Uno scrigno in montagna

Fuori stalla ticinese, dentro abitazione di vacanza originale e confortevole

Avere tanto a cuore un luogo, per le emozioni che suscita e le immagini che fa riaffiorare alla mente, è la miccia che rende possibile l’impossibile. In questa storia l’impossibile è rendere vivibile una vecchia stalla ticinese in Valle Bedretto e trasformarla al suo interno, mantenendo l’aspetto esterno il più fedele possibile, in una casa di vacanza accogliente e confortevole. Ma come può starci una casa in una stalla? La domanda è legittima, soprattutto se pensiamo al ruolo di una stalla di montagna nei secoli, utilizzata esclusivamente, con le relative conseguenze, quale rifugio per le vacche. Rivolgiamo la domanda a Barbara Disch, responsabile del progetto Villa Bedretto per atelier ribo+.

“Per questo progetto dobbiamo immaginare uno spazio abitativo concepito in una sorta di pelle rappresentata dalla stalla, con le sue travature preesistenti. Un lavoro complesso e ragionato, iniziato con una specifica fase di pulitura di muri e suolo, vista la sua funzione precedente, e seguito da uno studio approfondito per riuscire a creare dei nuovi e armoniosi spazi abitativi in cui la luce potesse filtrare a sufficienza dalle travi della struttura esterna originale”. Un sapiente lavoro di valorizzazione della preesistenza, che all’esterno mantiene così il suo aspetto originale di stalla, con le travi in legno a vista e la pietra, e all’interno racchiude i nuovi ambienti confortevoli concepiti su tre livelli, cantina, piano terra e piano superiore, illuminati da luce naturale quanto basta per mezzo di elementi in vetro e lucernari.

Villa Bedretto, per la sua specifica ubicazione, ha richiesto particolari accorgimenti tecnici di rafforzamento in calcestruzzo delle pareti per il pericolo di valanghe, così come specifiche accortezze per evitare infiltrazioni per possibile scioglimento della neve. Un progetto particolare e amico del territorio, che permetterà ai proprietari di tornare a rivivere dei momenti di svago e di relax nella nuova residenza di vacanza, godendo della valorizzazione della preesistenza nello stile di atelier ribo+ e, soprattutto, nell’ armonia più totale del contesto rurale.